Un giorno nella savana

Eccoci qua con un’altra giornata terminata e pronti per andare a letto jon prima di avervi dato un aggiornamento. Vi chiediamo in anticipo di scusarci per l’assenza di foto che verranno caricate domani ma siamo veramente… cotti questa sera.

Paesaggi veramente suggestivi oggi: la savana dell’africa che si vede nei documentari di geo & geo o di Piero Angela… e noi eravamo li!!!!!

Chilometri e chilometri percorsi su “piste sterrate” che talvolta diventavano solamente “idea di pista” perché tanto non si capiva bene dove andare:

Attraversamenti di fiumi secchi con salite che richiedevano le 4 ruote motrici, le marce ridotte e il differenziale bloccato. In altre parole salitone con preghiera corale per non insabbiarsi. E’ stata una giornata di traffico intenso.. abbiamo incrociato un fuoristrada, e una mototaxi (ecco le stranezze dell’africa che ritornano) e visto una macchina su di un’altra collina.

Eppure in questo territorio deserto ARIDO e ABBARBICATO sulle colline rocciose.. c’è vita. Abbiamo incontrato due piccole comunità in località “TEPETE” E “MARMAROI”  a soli 10 e 15 km da Wamba ma a “soli” 1.30 e 2.00 ore da Wamba.

A Marmaroi la messa è stata celebrata all’esterno sotto un’acacia per “eccesso di adorazione” per usare il termine dei catechisti. per due volte abbiamo dovuto rincorrere le particole nella savana per evitare che le capre le mangiassero. Anche questa è Africa.

In questi luoghi senza confini e senza acqua si può sempre trovare una costruzione che diventa di volta in volta Chiesa, Asilo, DISPENSARIO O SALA COMUNE: Il tutto circondato da “maniatte” recintate con i rami delle acacie spinose.

Oltre alle celebrazioni le visite erano motivate dalla distribuzione del cibo. Con la siccità infatti viene sempre anche la fame e senza l’aiuto della Parrocchia la vita sarebbe ancora più dura per queste comunità.

Siamo rimasti senza parole per quello che abbiamo vissuto e siamo convinti che non ci sia fine allo stupore.

I dettagli tecnici della giornata sono:

1) partenza ore 8… più o meno

2) prima sosta ore 8.05 più o meno per acquistare 300 chupa chups da distribuire a bambini, vecchi giovani ecc..

3) ora 10.00 più o meno sosta in mezzo alla savana per caricare in auto passeggeri e catechisti traduttori.. Perché in queste comunità si parla in Inglese che viene tradotto in Swaili che viene tradotto in Samburu. Nel nostro caso si partiva dall’Italiano all’inglese allo swahili al tamburo con notevole accelerazione delle cose…

4) 10.30 prima messa e successiva distribuzione del cibo.

5) 12.00 partenza per Marmaroi dove giungiamo alle 12.45 (Grazie Signore che ci hai fatto arrivare vivi e sani).

6) 12.45 seconda messa e distribuzione cibo…

7) 13.30 quando noi pensavamo fosse tutto finito.. è iniziata una specie di “assemblea della comunità” dove si passava dal samburu allo swahili all’inglese e all’italiano e poi si rispondeva passando dall’italiano all’inglese, allo swahili al samburu .

Dobbiamo onestamente dire che è stato… semplicemente terribile!!.

Quando poi dopo l’applauso stavamo montando in auto 8erano già le due passate) ci è stato fatto notare che era poco educato andarsene senza bere il te. E ovviamente il te si prende seduti e chiacchierando… Quindi.. A parte la Roby codarda che ha rifiutato il te accampando strani malori intestinali, la Lucia molto più esperta ha accettato il te per poi andare a dato ai bambini dietro un muro, io assieme a Padre Charles abbiamo bevuto questo te affumicato aromatizzato  con latte e “oggetti non identificati” che notavano… continuando la chiacchierata in libertà tipo: Italiano, inglese…………

Ale 2 .45 esatti, scottati e onestamente affumicati e con lo stomaco un poco sottosopra ci siamo rimessi in marcia per tornare a casa….

Pranzo alle 3.45 e poco altro.

A questo punto vi salutiamo e rimandiamo a domani le foto a testimonianza di quanto descritto.

PS

Animali del giorno..

Babbuini, capre cammello, muli dik dik e una marea di piccoli scoiattoli che ricordano tanto quello del Film L’era Glaciale con la ghianda….

Elefanti niente ma montagne di.. popò a indicare che sono in giro…

A domani…..

 

Come promesso.. alcune fotografie..

cibo

Distribuzione del cibo

comunita

Bambini e mamme nella Chiesa sperduta..

dallauto

La mia visione dal posto affianco a quello del guidatore..

savana

Panoramica della Savana..

savana2

Altra panoramica della Savana

te_savana

Degustando il te “affumicato”

2 pensieri su “Un giorno nella savana”

  1. Ragazzi carissimi chiedo scusa per il ritardo … mi verrebbe da elencarne i motivi ma francamente me ne vergogno! Se riuscite voi ogni giorno a darci così dettagliate notizie, nonostante TUTTO, non ci possono essere scuse per me.
    Grazie Lucy per avermelo ricordato con sms. Non avevo tenuto conto che stavolta i tuoi compagni di viaggio sono, oltre a tutto il resto, anche due “supertecnologici”!
    Non siete ancora a metà del cammino e già avete assistito a un sacco di celebrazioni,tornerete più “santi” che mai!
    Buona continuazione

  2. non ho parole…essendo stata tanti anni fa proprio in quei posti ricordo con nostalgia….ma la vita per i residenti è durissima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *