Sabato 29 ottobre.. EMBU

Giornata di sorprese…

Ieri sera siamo andati a letto salutando Suor Alice e le altre sorelle. Oltre la buona notte il saluto è stato… domani ci vediamo alle 8 per andare in città a cambiare dei soldi e poi… “sorpresa”…

Questa mattina quindi dopo aver affrontato lo scoglio burocratico di cercare di cambiare delle banconote da 20 euro.. che chissà perché non piacevano al cassiere, ci siamo messi in auto verso… “sorpresa”..

La strada ci sembrava di conoscerla .. e infatti ci siamo fermati a “Gachoka” dove le suore hanno appena finito di costruire una nuova casa affianco al dispensario e alla piantagione di mango! Tappa rapida dove però ci sono stati offerti the, caffè (rigorosamente di moda) e anguria. Ripartiamo verso… il NULLA praticamente 40 minuti di auto verso est su strada asfaltata poi,. quando pensavamo di essere arrivati giriamo per una strada sterrata che comincia a portarci in mezzo ad una savana leggermente diversa rispetto a quella di Wamba ma ugualmente arida e povera, forse leggermente più abitata e con al posto delle maniatte con capanne di arbusti con casupole in mattoni ma ugualmente povere. il tratto comune è comunque l’aridità.. le uniche persone che si vedono sono accompagnate normalmente da muli carichi con bottiglioni di acqua…

Continuiamo su questa strada “maestra” per circa 50 minuti.. attraversando almeno 2 fiumi secchi e scavalcando altrettante colline. Ad un certo punto vediamo un “BAOBAB”  veramente il gigante della foresta e della savana: imponente sia in altezza sia in diametro del fusto. Il gigante serve anche come segnale per cui giriamo a destra in un viottolo veramente stretto ripido che Alice imbocca con sicurezza e velocità da rallista mentre a noi che siamo in 4 dietro sembra di essere sulle montagne russe!…e fa caldissimo e noi ci proteggiamo come possiamo…

dsc_0096 dsc_0119

Quanto manca??? Poco ancora ci dice infatti dopo altri 10 minuti arriviamo dove si lascia la macchina.  Si comincia a comminare in salita per sentieri da capre.. siamo intorno ai 2000 m.s.l.m. ma fa un caldo da spiaggia… Ci sono solo sterpaglie e pelli di serpenti cha hanno fatto la muta…siamo senza parole sia per la fatica sia per la sorpresa di questa situazione e questo spettacolo che non ci aspettavamo proprio.

Finalmente dopo l’ultima curva di un sentiero giungiamo alla meta e troviamo la nuova “casa” costruita per uno dei ragazzi che vivono pressa la scuola di S. Alice: obiettivo della scuola è quella di dare anche un pò di serenità a quelli bambini che vivono alla CARLO Liviero Home e che lasciano quei pochi parenti (in questo caso solo una nonna) in zone disperse senza nulla.

dsc_0063 dsc_0064

Rientriamo a casa verso le 15 del pomeriggio eravamo veramente COTTI ma per il pomeriggio altra “sorpresa”: Ci rechiamo in un’altra località del distretto di Embu per portare a casa un ragazzo oramai pronto per uscire dalla scuola e affrontare le superiori. Anche in  questo caso il ragazzo al suo rientro trova una casa ad accoglierlo: sempre fatta di lamiera ma sempre casa. In questo luogo lui e la nonna (unico parente in vita) vivranno al sicuro.

dsc_0139

E’ arrivata sera ed è ora di fare i bagagli per la partenza domani mattina verso Nairobi …. Altra “Sorpresa”: suor Alice ha cucinato per noi pizza …. ci sembra proprio di essere a casa. E noi non abbiamo mancato di comperare birra per brindare: CIN CIN alle nostre sorelle che hanno veramente fatto di tutto per farci conoscere meglio il territorio e coccolarci il più possibile per curare le nostre fatiche. A  loro il nostro sentito GRAZIE PER QUELLO CHE FATE.

 

Buona notte da Roby, Lucia e Paolo

PS se per caso leggerete questa pagina senza vedere le foto.. vuol dire che ho perso la mia giornaliera battaglia con il “network”…. sono ormai al quarto tentativo di caricare le foto ma da Embu… sembra impossibile… nel caso.. tornate domani a guardare alcune immagini..

Paolo

 

Un pensiero su “Sabato 29 ottobre.. EMBU”

  1. …e invece sei stato bravo anche stavolta. Abbiamo letto, visto le foto e condiviso le sorprese dell’ultimo giorno.
    Buona partenza per domani e buon viaggio di ritorno, carichi di emozioni e soprattutto soddisfatti per tutto ciò che siete riusciti a fare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *