Oggi…. Narrapai

Tutto è incominciato questa mattina quando siamo arrivati a Narrapai. Lo spettacolo della Savana è sempre qualcosa di incantevole. E lì troviamo la cucinetta (la nostra prima costruzione) in perfetto stato, sotto un grande albero vedo la donna anziana con in braccio un bambino, mi avvicino e con sorpresa mi saluta chiamandomi per nome e ricordandomi che in passato le abbiamo curato gli occhi.

dsc_0322dsc_0342 dsc_0344 dsc_0376

Entrata poi nella scuola dove abbiamo portato i banchi con P. Franco mi si avvicina una bambina, mi tende le braccia e mi viene spontaneo stringerla a me. Piano piano si addormenta e sento il suo cuoricino battere vicino al mio: provo una tenerezza struggente.

Alla fine della cerimonia ho cercato la mamma per riconsegnarla, ma avrei voluto tenerla con me per sempre.

Com’è vero che i bambini sono un miracolo qualunque sia il colore della sua pelle.

La benedizione dell’anziano e il canto delle donne hanno concluso questo grande momento di condivisione.

Altro momento straordinario è l’aver ritrovato il mio Rafael. È un bambino che visto quasi nascere e che ora frequenta la quarta elementare: lui ha segnato ogni mio ritorno a Wamba con tenerezza e sorrisi incantevoli. Due anni fa sono stata vicino alla sua mamma ricoverata in ospedale, ma dopo la sua morte ho preso le tracce. Stamattina però tra gli oltre mille bambini della scuola elementare che gridavano a squarcia gola CIAO l’ho ritrovato con il suo irresistibile sorriso. Improvvisamente le distanze sono scomparse.

Ho potuto vestirlo con pantaloni e maglietta rossa ma per le scarpe come fare???? Gli ho dato 200 scellini (due euro) e l’ho mandato a comperarsi i sandali di plastica: poco dopo è ricomparso da me tutto compiaciuto per mostrarmi la sua spesa nuova. Mi ha ringraziato come un piccolo galantuomo soffiandomi con la mano dei baci.

Potrei raccontarvi tanti altri episodi di questi pochi giorni: l’Africa è siccità, mancanza di cibo, acace colme di spine, terra bruciata dal sole ma sa regalare rapporti umani ed emozioni così profonde che le ricorderò per sempre.

Lucia

 

Non ci dilungheremo ancora sulla visita a Narrapai perché Lucia ha già detto molto.

La comunità è molto attiva e collaborativa.

Ora c’è la scuola con due insegnanti e addirittura pannelli solari per la luce. Tutto ordinato e pulito anche se si può fare ancora qualcosa: fare un gabinetto, riparare il tetto della scuola perché il forte vento ha tolto delle lamiere, collegare il tank dell’acqua.

Vedremo cosa si può fare e speriamo per il meglio.

Novità: nuovo problema da affrontare a Wamba.

Dovete sapere che il Governo del Kenya ha deciso di chiedere tutte le scuole per 2 DUE mesi a partire dal 28 ottobre.

Vi chiederete: che problema è questo?

Il problema sta nel fatto che se in città tutti sono contenti, nelle periferie come la nostra (siamo in piena savana) i bambini prima frequentando la scuola mangiano una volta al giorno, ora si ritrovano a non avere un pasto garantito per ben 67 giorni.

Tralasciamo di discutere dell’aspetto scolastico istruttivo.

Per rendere l’idea:

  • 340 circa sono i bambini della pre-school (scuola materna)
  • 1200 circa sono i bambini della primary school (scuola elementare).

Stimiamo quindi che 800 circa bambini ricadono nel problema cibo.

Questo ci fa riflettere molto su quanto è duro sopravvivere qui.

Stranezza del giorno: si chiude per due mesi la scuola ma si introduce un nuovo programma istruttivo: si parte della prima elementare con l’uso del tablet obbligatoriamente.

Progresso e povertà corrono su binari diversi.

 

Solo una cosa da dirvi oggi da parte mia….

Nello scambio “ufficiale di saluti con gli anziani a Narrapai… oltre ai salamelecchi e alle cose scontata la donna anziana (quella che vedete con gli occhiali gialli nella foto) ci ha ringraziati per averli portati “da sotto l’albero” al coperto con tutte le comodità…. non posso descrivere ma posso solo condividere con voi l’emozione e la commozione che ho provato!!!

a domani…

6 pensieri su “Oggi…. Narrapai”

  1. Beh, oggi le mozioni non vi sono mancate e sono talmente forti che siete riusciti a trasmetterle anche a me…..
    Grazie per il vostro impegno
    Paola

  2. Ci lamentiamo dei ns governanti, ma vedo che c’è chi sta peggio …
    Scherzo amaramente: ma le vere ragioni della chiusura quali sono ? Lo avete saputo ?

    anto

  3. Ci lamentiamo dei ns governanti, ma vedo che c’è chi sta peggio …
    Scherzo amaramente: ma le vere ragioni della chiusura quali sono ? Lo avete saputo ?

    anto

  4. Sono contento per l’accoglienza (meritata) che avete trovato; mi spaventa la notizia della chiusura delle scuole per 2 mesi e della fame conseguente; a completare l’opera poi viene il Tablet. Avremo notizie più precise al vostro ritorno, ma penso fin d’ora che queste cose influiranno per forza sui nostri interventi. Coraggio…avanti!!!!
    Con riconoscenza e affetto Alberto

  5. sono felice di vivere con voi queste emozioni….spendete tutto nel mangiareNON si può farli morire di fame TUTTI dicono aiutiamoli lì facciamolo grazie

  6. peut être avez vous rencontre un responsable d une école de Wamba monsieur Olock Barack….??? personne tres implique dans la vie éducative…. a bientôt j espère pour nos échanges et nos lueurs d espoirs pour cet endroit du monde…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *